Nomi delle Versioni della Fattura elettronica XML

Dal 2019 sono occorse almeno 2 importanti modifiche alle regole, ma il nome della versione è rimasto invariato, FeX desidera fare chiarezza ...

Dal 2019 ad oggi FeX individua 3 importanti versioni:

Nome FeX Periodo Interessato V. Ufficiale Specifiche Tecniche
V.2019 Dal 01/01/2019 al 30/09/2020 1.2 1.2.1 e 1.5
V.2020 Dal 01/10/2020 al 31/12/2020 1.2 1.6.2 derivata da 1.6.1 e 1.6.0
V.2021 A partire dal 01/01/2021 1.2 1.6.2 derivata da 1.6.1 e 1.6.0

FeX ed il Selettore di Versione interattivo

Abbiamo introdotto un nuovo Selettore di Versione che ti consente di validare i tuoi documenti sulle 3 principali versioni che si sono succedute dal 2019 ad oggi.
Il comando lo trovi sulla barra in altro a destra con l'etichetta "V.Auto".

Il Selettore di Versione ti consente di poter visualizzare o verificare una Fattura più vecchia con le esatte regole che vigevano al momento della sua emissione.
Oppure se stai verificando un nuovo documento, puoi comparare i risultati con le versioni più vecchie, così puoi scorgere se un errore è dovuto ad un cambiamento di versione che il tuo software non ha aggiornato, oppure se l'errore è da sempre insito nel tuo sistema.

Come Funziona il Selettore di Versione

Se non sei un esperto ti consigliamo vivamente di lasciare in modalità "V.Auto", in tal modo FeX selezionerà per te la versione con la quale provvedere alle tue verifiche, in base alla data del documento o a seconda del tipo di valorizzazione del XML.

Una volta che clicchi sull'etichetta "V.Auto" vedrai una finestra di selezione, questa rimane attiva anche navigando sulle pagine principali. Così potrai vedere prontamente il risultato di validazione ad ogni tuo click

La pagina dove puoi notare i più vistosi cambiamenti è quella di "Verifica". Ma anche le pagine "Inizia", "Nodi", "Fattura" e "PDF" sono influenzate dalla versione.
Ad esempio nella pagina della "Fattura" il <TipoDocumento> può assumere un nome diverso a seconda della versione (specie su TD01 e TD20). Invece nella pagina "Nodi", le proprietà del nodo (la tabella posta in alto) sono riferite alla versione al momento in uso e se siamo su un nodo di codifica, disporremo di un layout differente della tabella dei codici a seconda della versione.

Spiegazioni tecniche del Selettore di Versione e la modalità V.Auto

Quando siamo in modalità "V.Auto", l'etichetta della versione scelta da FeX viene mostrata sotto il relativo comando tra parentesi. Se invece forzi una specifica versione, l'etichetta si trasformerà in un lucchetto e sopra apparirà la tua versione scelta.

La modalità "V.Auto" prende come prima analisi di riferimento la <Data> del documento.
Tuttavia nel caso di documenti nel periodo dal 01/10/2020 al 31/12/2020, ovvero per la versione V.2020, il meccanismo diventa più complesso. FeX provvede ad un primo scan secondo le regole di questo periodo, ma se vengono rintracciati input riferibili alla versione V.2021 ed al tempo stesso vengono rilevati errori di scarto, allora provvede ad uno scan con la versione V.2021 e sarà questa quella mostrata sul comando.

Ciò dovrebbe spiegare perchè in alcuni casi ti potrà essere mostrata come selezione "V.Auto", una versione differente rispetto ai periodi canonicamente menzionati.

Sezione tecnica, trattato sui nomi delle versioni

Se non sei un tecnico esperto ti suggeriamo di non leggere oltre, devi solo sapere che abbiamo il desiderio che tutti si riferiscano ad un nome unico per le varie versioni, per evitare che nascano altri fraintendimenti tecnici e di dialogo.

Il "Nome FeX" della versione (sulla tabella in alto) è quello che noi desideriamo diffondere sia per il dialogo uomo-uomo che macchina-macchina.

Ci scusiamo se in precedenza abbiamo usato il nome "1.2.1" per identificare la versione V.2021, ma è stato solamente un invano tentativo di suggerire un nome, verso chi ritenevamo dovesse prendere questa decisione. Ma la posizione dell'Agenzia delle Entrate a questo punto è chiara, non gli interessa cambiare versione ad ogni modifica ed agendo in questo modo automaticamente responsabilizza il mercato a prendere delle decisioni in modo di armonizzare le loro regole con quelle che sono le necessità dei contribuenti e del mercato coinvolto.

FeX si è spinta oltre ogni immaginazione nell'esplorazione della tecnologia della Fattura elettronica XML italiana, siamo ai vertici di questa tecnologia e siamo in contatto con operatori tecnici di altri paesi che stanno istituendo la loro Fattura elettronica, cavalcando queste opportunità forse diventeremo anche un riferimento più ampio.

Per questi motivi ci sentiamo in qualche modo nella responsabilità di fare chiarezza individuando dei riferimenti mancanti ed intervenendo la dove necessario. Diventa poi fondamentale che tutto il mercato si allinei a questi riferimenti, altrimenti si perseverebbe solo nella confusione.

Note sulle versioni intermedie o più vecchie

Nella fase iniziale del 2019 SdI ha apportato più modifiche ai suoi algoritmi, inoltre nel periodo fino al 30/09/2020, ci sono state altre modifiche, anche ufficiali, ma queste modifiche hanno interessato solo una parte millesimale delle Fatture e pertanto FeX ha deciso di non tenerne conto.
Inoltre FeX ha deciso di non considerare tutte le versioni antecedenti al 2019, perché interessano un utenza molto limitata (quasi esclusivamente le PA).

Criteri di Nomina

Si utilizza l'anno in cui è occorsa la modifica, preceduta dalla lettera "V" (di Versione) ed il punto. Nel caso di più versioni dello stesso anno, si aggiunge il trattino ed il numero indicante il progressivo. Ad esempio se venissero formulate delle nuove modifiche effettive nell'anno 2021, tale versione si chiamerà "V.2021-2". FeX ha inconsuetamente suggerito il trattino "-", al posto "del punto ".", per non infliggere alla prima versione dell'anno la necessità di aggiornare il nome (aggiungendo uno zero).

Alcuni ci hanno fatto osservare che il punto dopo la "V" rappresenta un problema, ad esempio dando ad un file tale nome, si causa il problema della doppia estensione. Oppure dando tale nome ad una variabile, molti linguaggi non l'accetterebbero. Questi sono appunti corretti, tuttavia un nome si deve rappresentare con la sua giusta consistenza. Ad esempio, un punto dopo la "V" fa acquisire del significato anche ai motori di ricerca. Per i problemi lamentati occorre quindi assegnare il nome alle tabelle di conversione che ci diranno, ad esempio, che 'V.2021' === 'V2021', ma verso l'UI continuerà ad apparire 'V.2021'.

Criteri di Nomina di gruppo

Spesso alcune regole fanno riferimento ad un periodo di validità che si estende a più versioni e tecnicamente è sovente la necessità di riferirsi ad un nome unico. Individuiamo in prima analisi due gruppi molto generali:

Per gruppi più restrittivi ci vengono in aiuto i seguenti caratteri UTF-8:

Così per indicare ad esempio il gruppo che comprende la "V.2019" e la "V.2020" utilizzeremo 'V≤2020'.

Per cercare di essere più espliciti, rilasciamo il JSON che FeX stessa ha utilizzato per individuare i gruppi di appartenza per ogni versione:

{'V.2019': ['V.2019', 'V.20XX', 'V.≤2020'], 'V.2020': ['V.2020', 'V.20XX', 'V.202X', 'V.≤2020'], 'V.2021': ['V.2021', 'V.202X', 'V.≤2021']}

Nota bene che non comprende tutti i possibili gruppi, ma quelli minimali per definire tutte le casualità.

Perchè la presente nomina ?

Nella V.2020 e V.2021 ci sono state una serie di modifiche molto importanti e che interessano il 15% delle fatture in relazione agli errori di scarto, il 60% per gli Avvisi Generali ed addirittura 100% per gli aspetti qualitativi (i ben noti avvisi di qualità di FeX).
Inoltre esiste il problema dei codici sovrascritti, ovvero alcuni codici che cambiano significato a seconda della versione, come nel caso del <TipoDocumento> che diventa diverso per il TD01 e TD20 a seconda della data del documento.

L'Agenzia delle entrate in tutte queste modifiche non ha modificato il nome della versione, rimanendo alla 1.2. Contemporaneamente non ha mai rilasciato alcun nome alternativo per riferirsi alla specifica versione.
In mancanza di questo c'è chi si è riferito al Manuale Tecnico giunto alla versione 1.6.2, ma questo si riferisce sia alla versione V.2020 e V.2021, quindi solo in grado di confondere ulteriormente.

Abbiamo sopra spiegato che per l'Agenzia delle Entrate tale problematica non sembrerebbe rientrare nei suoi compiti, ma al tempo stesso rileviamo almeno 4 motivi per cui la mancanza di nomi si ritorce in modo negativo sulle persone, sulle aziende e sulle macchine che dovranno operare:



Pubblicato il:
Ultima modifica: